Market Watch: Il recupero di Bitcoin fragile come 40 miliardi di dollari cancellati dal mercato in 24 ore

Veröffentlicht von

Il tetto del mercato è sceso di 40 miliardi di dollari mentre BTC è scesa sotto i 22.000 dollari, mentre l’XRP è sceso sotto i 0,50 dollari a seguito della minaccia di una causa legale da parte della SEC.

Le montagne russe di Bitcoin sono Crypto Engine continuate nelle ultime 24 ore con un massiccio dumping di 2.000 dollari e il successivo tentativo di recupero. La maggior parte degli altcoin sono coperti di rosso, e la capitalizzazione di mercato ha perso 40 miliardi di dollari in un giorno.

La corsa selvaggia di Bitcoin continua
Dopo un weekend relativamente rialzista in cui BTC ha guadagnato un po‘ di valore, la crittovaluta primaria sembrava pronta per ulteriori aumenti. Inizialmente, il bitcoin si è infatti diretto a nord, con il risultato di un nuovo massimo di tutti i tempi di 24.300 dollari (su Bitstamp).

Tuttavia, gli orsi hanno rapidamente preso il controllo e hanno scaricato il prezzo degli asset a un minimo infragiornaliero sotto i 22.000 dollari.

Ciononostante, BTC è rimbalzata a oltre 23.000 dollari in seguito alla notizia che la MicroStrategy, quotata al NASDAQ, ha acquistato 650 milioni di dollari in più di criptovaluta. Da allora, il bitcoin è sceso leggermente e attualmente si attesta intorno ai $22.700.

Se l’asset dovesse riprendere l’encierro del 4° trimestre 2020, gli indicatori tecnici suggeriscono che dovrebbe superare le linee di resistenza situate a prezzi tondi – $23.000 e $24.000.

In alternativa, i livelli di supporto a 22.300, 21.950 e 21.730 dollari potrebbero aiutare in caso di un altro rifiuto.

Sangue sulla via Altcoin

Come accade di solito quando BTC mostra un’elevata volatilità, gli altercoins la sentono più difficile. Questo è stato il caso nelle ultime 24 ore, con qualche vigoroso calo dei prezzi a due cifre.

L’etereum è stato scambiato ieri per quasi 680 dollari prima di dirigersi verso sud e scendere sotto i 600 dollari. Su una scala di 24 ore, l’ETH è leggermente aumentato dal minimo e si attesta a circa 605 dollari.

Anche Binance Coin (-7,5%), Chainlink (-7%), Polkadot (-5%), e Cardano (-5,5%) hanno perso pezzi sostanziali di valore. Tuttavia, tre dei primi 10 gettoni sono crollati a due cifre. Litecoin ha perso il 12% e lotta al di sopra dei 100 dollari, Bitcoin Cash è sceso del 16% a meno di 310 dollari e Ripple è sceso del 17% a 0,47 dollari.

Le perdite dell’XRP potrebbero essere attribuite alle segnalazioni che la US Securities and Exchange Commission farà causa alla società per aver emesso il token XRP come titolo non registrato.

Ulteriori perdite sono evidenti da Siacoin (-12%), Uniswap (-12%), ABBC Coin (-12%), Stellar (-11%), EOS (-11%), Yearn.Finance (-11%), Crypto.com Coin (-11%), ICON (-11%), e altro ancora.

In definitiva, la capitalizzazione del mercato della crittovaluta è passata da 673 miliardi di dollari a 633 miliardi di dollari in un giorno.